Chi muore ne La Casa Di Carta 5: ecco la risposta

Condividi su:

Chi muore ne La Casa Di Carta 5

Chi muore ne La Casa Di Carta 5? Il primo volume della quinta parte è finalmente disponibile su Netflix a partire da venerdì 3 settembre. Ma quali personaggi non sopravvivono alla prima metà dell’ultima stagione? Dopo la morte di Nairobi, ecco chi non sopravvive.

ATTENZIONE: quello che segue è il resoconto integrale di chi muore ne La Casa Di Carta 5 e include grossi spoiler su tutto quello che succede. Se non avete ancora concluso la visione della quinta parte o non volete guastarvi le sorprese, vi consigliamo di non proseguire la lettura. Se invece volete scoprire chi muore ne La Casa Di Carta 5, qui troverete tutte le risposte alle vostre domande.

Partiamo dalla perdita più grave: quella di Tokyo. Il personaggio interpretato da Úrsula Corberó si sacrifica quando si trova accerchiata dai soldati delle forze speciali guidati dal Comandante Sagasta (José Manuel Seda). Dopo aver battuto la ritirata insieme a Denver (Jaime Lorente) e Manila (Belén Cuesta), Tokyo si rifugia nelle cucine della Banca di Spagna.

continua a leggere dopo la pubblicità

I suoi compagni sono stati blindati nel museo, una trappola tesa dai soldati di Sagasta. Rimasti in tre, Tokyo e i suoi amici devono affrontare i soldati d’élite e Gandía (José Manuel Poga), il quale è rientrato nella banca per finire il lavoro che ha iniziato. Usare il piano cucina in ghisa consente loro di temporeggiare, ma gli uomini di Sagasta intendono entrare aprendo un varco dalla dispensa.

Tokyo (Úrsula Corberó) intrappola Gandía e il resto dei militari. Credits: fotogramma/Netflix.
Tokyo (Úrsula Corberó) intrappola Gandía e il resto dei militari. Credits: fotogramma/Netflix.

Mentre i cecchini appostati sul palazzo di fronte la colpiscono lasciandole cinque pallottole in corpo, Tokyo si rende conto che da quella cucina non avrebbe avuto scampo. Quando Stoccolma (Esther Acebo) scopre che il condotto portavivande permette loro di calarsi sei piani sotto, tutto sembra volgere per il meglio.

Ma Tokyo è troppo malconcia per sopravvivere a quella caduta: per questo insiste che Denver e Manila si mettano in salvo, lei penserà a coprirli aprendo il fuoco contro i soldati che ormai sono arrivati nella cucina.

continua a leggere dopo la pubblicità

Gandía e i soldati sparano all’impazzata: Tokyo è rimasta da sola, non uscirà viva da quello scontro. Ma questo lei lo sa già, e dopo aver detto addio al suo amato Rio (Miguel Herrán), il quale ha aperto un varco nel pavimento dal piano sottostante, Tokyo si lancia nell’ultimo, disperato attacco contro i suoi nemici.

Altri colpi la raggiungono: il dolore è troppo e perde conoscenza. Quando Tokyo riprende conoscenza, Gandía la sovrasta, tronfio e compiaciuto dell’esito dell’operazione. Dopo aver ucciso Nairobi (Alba Flores), adesso si appresta a fare fuori anche la sua migliore amica.

Gandía (José Manuel Poga) pochi istanti prima di morire per mano di Tokyo. Credits: fotogramma/Netflix.
Gandía (José Manuel Poga) pochi istanti prima di morire per mano di Tokyo. Credits: fotogramma/Netflix.

Quello che non ha considerato è che Tokyo ha un ultimo asso da giocarsi. Mentre Gandìa le punta la pistola in fronte, Tokyo schiude la mano rivelando le chiavi di tutte le bombe che indossa sul bandoliere in petto. Proprio così: Tokyo ha deciso di fare la kamikaze, e ha attivato i detonatori che ha addosso.

continua a leggere dopo la pubblicità

Consapevole che non sarebbe mai uscita viva da quello scontro, Tokyo ha deciso di sacrificarsi per il bene dei suoi fratelli e delle sue sorelle della banda, compiendo un ultimo gesto dirompente. Gandía non fa in tempo a rendersi conto di quello che sta succedendo che le bombe esplodono, non lasciandogli scampo e inghiottendolo fatalmente insieme ad altri suoi compagni di battaglione.

Il boato che segue annuncia a Rio, Lisbona, Denver e al Professore in ascolto che Tokyo è caduta. La battaglia è stata vinta, ma il costo è stato altissimo. Un’altra perdita rende la banda sempre più smarrita, ferita e incerta sul proprio futuro. Se Nairobi è sempre stata il cuore della banda, Tokyo era l’anima. Senza di lei, le sorti dei rapinatori sembrano volgere per il peggio.

Fonte Articolo Originale

I contenuti presenti sul portale vengono pubblicati attraverso un sistema automatico, non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e i contenuti pubblicati. Il sito è solo a scopo informativo per semplificare la ricerca di tutte le attuali notizie in un unico portale. Se vuoi rimuovere questo articolo puoi contattarci sulla pagina Facebook.

Tutto notizie è un sito di notizie che offre principalmente notizie di Calcio, Gossip, serie Tv/Film, notizie di intrattenimento, notizie sui videogiochi, oroscopo e molto altro ancora. Aiutiamo gli utenti ogni mese a trovare le informazioni di cui hanno bisogno.

Condividi su: