Germania al voto, testa a testa Scholz – Laschet

Condividi su:

Testa a testa Scholz-Laschet nel voto del dopo-Merkel. Germania col fiato sospeso, sarà la notte dei due cancellieri. Nei primi dati, la Spd è in leggero vantaggio sull’Unione Cdu-Csu, 25,9% contro 24,5%. Per i conservatori il peggior risultato della storia. I socialdemocratici rivendicano la cancelleria a Scholz, ma Laschet non molla e considera ancora possibile un governo con i liberali della Fpd (11,7%) e i Verdi (14,1%). Ma entrambi i partiti minori stanno a guardare. Nella notte risultati ufficiali e attribuzione dei seggi. ‘Vincono gli europeisti, sconfitti i sovranisti’, il primo commento di Di Maio.

LA DIRETTA con proiezioni ed exit poll. I commenti degli esponenti politici.

“La persona che diventa cancelliere deve mettere insieme i partiti, e non sempre il partito con più voti alla fine ha formato un governo”. Lo ha detto il candidato alla cancelleria in Germania per la Cdu-Csu, Armin Laschet, parlando stasera alla cosiddetta tavola rotonda degli ‘elefanti’ alla tv tedesca con gli altri principali leader di partito. Secondo gli exit poll, l’Unione ha ottenuto il peggior risultato della sua storia, con circa il 25% dei voti. “Nessun partito è abbastanza forte da solo e dovremo trovare più punti comuni possibili, il che significherà” coinvolgere “tre partiti politici”, ha spiegato Laschet.

L’Spd è in lieve vantaggio nel numero dei seggi al Bundestag.
Stando alle proiezioni della tv pubblica Ard, su un totale di 730 seggi i socialdemocratici ne ottengono 202, la Cdu-Csu 197, i Verdi 110, i Liberali dell’Fdp 93, l’ultradestra Afd 87 e la Linke (sinistra) 40. Se dovessero confermarsi questi numeri, sarebbe esclusa la coalizione rosso-rosso-verde (Spd, Linke, Verdi) che non otterrebbe la maggioranza assoluta fermandosi a 352 seggi. Restano tre opzioni: la Grosse Koalition che l’Spd ha già detto di non volere, la cosiddetta coalizione ‘semaforo’ (Spd, Fdp e Verdi) e quella ‘Giamaica’ (Cdu-Csu con Fdp e Verdi). I Liberali, come previsto ago della bilancia di queste elezioni, hanno fatto sapere di preferire un’alleanza di governo con la Cdu ma si dicono pronti a dialogare con tutti.

“Vogliamo partecipare al governo. Siamo pronti per i colloqui”. Lo afferma il vice presidente federale dell’Fdp, Wolfgang Kubicki, alla tv Ard. “La nostra preferenza per la coalizione Giamaica (con Cdu-Csu e Verdi, ndr) è ovvia, ma il partito è aperto anche ad altri”, ha chiarito, aggiungendo comunque che “stasera festeggeremo” per il buon risultato alle elezioni odierne in Germania.

Sono contento del risultato e che le cittadine e i cittadini hanno deciso che l’Spd prendano quota ovunque“. “Sarà una lunga serata, ma è comunque chiaro che i cittadini vogliano un cambiamento, e che il prossimo cancelliere si chiami Olaf Scholz”. Lo ha detto il candidato dei socialdemocratici Scholz a Berlino, commentando i primi risultati delle elezioni in Germania.

“È un testa a testa, l’esito non è ancora chiaro. Noi metteremo il massimo impegno per costruire un governo sotto la guida dell’Unione”. Lo ha detto il candidato cancelliere di della Cdu-Csu Armin Laschet commentando i primi risultati elettorali.

Stando alle proiezioni delle 18.48 della Ard, è testa a testa fra l’Spd al 24,9% e Cdu-Csu al 24,7%. I Verdi sono dati al 14,8%, i liberali all’11,2, l’Afd all’11,3, la Linke al 5.

Secondo le proiezioni della Zdf delle 18.45, l’Spd è in vantaggio con il 25,8% e la Cdu-Csu segue al 24,2%.

Se gli exit poll delle elezioni in Germania venissero confermati, per l’Unione dei conservatori tedeschi della Cdu-Csu sarebbe il peggior risultato della storia a livello federale. Lo riporta la Bbc. Finora la Cdu/Csu non è mai scesa sotto il 30% a livello federale. Il risultato peggiore è il 31% ottenuto alle prime elezioni a cui ha partecipato nel Secondo Dopoguerra, nel 1949, seguito dal 32,9% registrato nel voto di quattro anni fa.

 Il segretario generale dell’Spd rivendica la cancelleria per Olaf Scholz dopo la pubblicazione dei primi exit poll delle elezioni in Germania.

“Abbiamo sempre saputo che sarebbe stato un testa a testa, con uno scarto molto ridotto”, ha affermato. “Ma abbiamo un chiaro mandato per l’Spd e vogliamo che Olaf Scholz sia cancelliere”, ha detto Lars Klingbeil che ha parlato di un enorme successo per l’Spd.

Delusione nella Cdu dopo i primi exit poll delle elezioni in Germania, che danno i socialdemocratici leggermente avanti ed i cristiano-democratici quasi nove punti in meno delle percentuali di 4 anni fa. “Le perdite sono amare”, ha ammesso il segretario generale della Cdu Paul Ziemiak. “Dobbiamo vedere se c’è un modo per costituire una futura coalizione per il nostro Paese”. Per Ziemiak una soluzione è la cosiddetta coalizione Giamaica: “L’Unione, l’Fdp ed i Verdi possono formare una buona coalizione”, ha affermato.

Siamo molto contenti del risultato, anche se avremmo voluto anche di più“. Lo ha detto la verde Katrin Goering-Eckhardt commentando il risultato dei Verdi. “Faremo parte del tavolo delle trattative, come io spero, e faremo in modo che protezione del clima e giustizia vengano gestite con una vera svolta”, ha aggiunto la leader del gruppo parlamentare.

Siamo incredibilmente felici stasera“: lo ha detto il segretario generale dei liberali tedeschi Volker Wissing. “Abbiamo vinto due volte di seguito alle federali con risultati a due cifre”, ha aggiunto Wolfgang Kubicki, vice del partito. L’Fdp si compiace anche del fatto che, stando ai dati, una coalizione rosso-rosso-verde “non potrà funzionare”.

Stando alle proiezioni delle 18.48 della Ard, è testa a testa fra l’Spd al 24,9% e Cdu-Csu al 24,7%. I Verdi sono dati al 14,8%, i liberali all’11,2, l’Afd all’11,3, la Linke al 5.

Gli exit poll pubblicati dall’altro canale tv pubblico, ZDF, vedono in vantaggio è l’Spd di Olaf Scholz al 26%, seguito dall’Unione di Armin Laschet al 24%. I verdi, stando agli stessi exit poll, hanno il 14,5%, i liberali il 12%, l’Afd il 10% e la Linke il 5%.

A Berlino, dove oggi si è votato per il parlamento del Land, stando agli exit poll delle 18 di Ard i Verdi sono in vantaggio con il 23,5%, i socialdemocratici hanno avuto il 21,5%, la Cdu-Csu il 15%. La Linke il 14%, l’Fdp il 7,5% e l’ultradestra di Afd il 7%.

Nel Land tedesco del Meclemburgo-Pomerania Anteriore, per gli exit poll di Ard, i socialdemocratici hanno vinto con il 37%. Seconda l’ultradestra di Afd con il 18,5%. La Cdu ha ottenuto il 14%. La Linke è data al 10%, i Verdi al 7 e il liberali al 6,5%.

Secondo i primi dati sarebbe in lieve calo l’affluenza alle urne in Germania, dove si sta votando per le federali che apriranno il post Merkel: alle 14 l’Ufficio elettorale ha registrato in 36,5% di elettori. Meno di quattro anni fa, quando l’affluenza a quell’ora fu del 41,1%. Quest’anno però le elezioni tedesche avranno una fortissima quota di voto per corrispondenza: il 40% ha votato per posta, stando alle aspettative degli esperti, mentre nel 2017 lo fece soltanto il 28,6%.


Fonte diritti Articolo Originale

I contenuti presenti sul portale vengono pubblicati attraverso un sistema automatico, non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e i contenuti pubblicati. Il sito è solo a scopo informativo per semplificare la ricerca di tutte le attuali notizie in un unico portale. Se vuoi rimuovere questo articolo puoi contattarci sulla pagina Facebook.

Tutto notizie è un sito di notizie che offre principalmente notizie di Calcio, Gossip, serie Tv/Film, notizie di intrattenimento, notizie sui videogiochi, oroscopo e molto altro ancora. Aiutiamo gli utenti ogni mese a trovare le informazioni di cui hanno bisogno.

Condividi su: