La classifica dei 10 cattivi più spaventosi dei cartoni animati

Condividi su:

Non c’è modo migliore per affrontare la fine dell’estate di rivangare quei pomeriggi passati alla tv, a guardare cartoni animati per bambini e rimanere così traumatizzati a vita. Che ingenui che eravamo: un solo episodio è stato fatale. Notti insonni che non cancellano gli anni trascorsi. Ancora oggi un brivido corre lungo la nostra schiena quando ritorniamo con la mente al momento in cui, per la prima volta, abbiamo incrociato lo sguardo di questi mostruosi antagonisti. Trattandosi di villain di cartoni animati, abbiamo escluso gli anime (altrimenti la classifica sarebbe stata occupata solo dagli inquietanti e violenti antagonisti di Dragon Ball. Quindi no, non ritroverete tra questi 10 né Freezer né Orochimaru di Naruto).

Senza ulteriori indugi, intraprendiamo questa terrificante passeggiata sul viale dei ricordi.

Non avrete mica paura?

10) Esadecimale – ReBoot

villain cartoni animati

ReBoot è stato il primo cartone animato degli anni ’90 completamente realizzato in CGI. Forse questa caratteristica è stato il colpo di grazia: era capace di rendere grotteschi perfino i protagonisti. Tra gli antagonisti principali, uno di loro in particolare ha infestato i nostri peggiori incubi: Esadecimale. Questa non aveva mai un obbietto preciso, era solo una sadica che si deliziava a terrorizzare le persone e generare caos. Il suo aspetto simile a un giullare demoniaco ha reso ancor più inquietante il fatto che si divertisse a guardare gli altri soffrire. Ma, soprattutto, quelle maschere bianche che infestavano la rete, ognuna deformata per rappresentare un’emozione diversa. Tuttavia la bocca rimaneva immobile e la sua voce metallica e gracchiante si diffondeva come per magia.

E poi ci chiedono perché siamo spaventati all’idea di prendere un virus al computer. Non è solo per l’apparecchio elettronico in sé, ma perché sfido a mantenere la calma con lo schermo infestato da quella diabolica maschera!

9) Spaventapasseri – Batman

villain cartoni animati

Ricorderete che questa versione di Batman era molto più oscura degli altri cartoni sui supereroi. D’altronde Batman stesso nasce come personaggio molto violento e cupo. Forse bisogna additare questa motivazione alla malata perversione di Spaventapasseri, uno dei villain dei cartoni animati peggiori che esistano. Uno scienziato che fa della paura la sua arma più potente: sperimenta un’apposita tossina verde che provoca allucinazioni basate proprio sulle fobie più profonde e radicate in una persona. Neanche Batman riesce a scampare a questa tortura. Mostrare una cosa del genere a degli ingenui pupi che sperano di vedere trionfare il bene significa indirizzarli un futuro di ansia perenne!

Senza contare il ghigno malefico di Jonathan Crane, vero nome di Spaventapasseri, che faceva inorridire prima ancora di vederlo con il costume. Costume che, chi ricorderà Batman – Cavaliere della Notte, saprà anche che lo hanno modificato rendendolo una bestia enorme con le cavità oculari bianche. Così per i bambini proprio non ci sarà scampo.

8) Skeletor – He-Man e i Dominatori dell’Universo

Partiamo dal presupposto che vedere uno scheletro così realistico parlare e muoversi fa già di per sé uno strano effetto e il brividino che corre lungo la schiena non ce lo toglie nessuno, neanche He-Man quando lo sconfigge. Ma passiamo poi a ciò che ha reso traumatico questo villain dei cartoni animati: la sua voce. Ma è un’ossessione quella dei creatori? Perché assegnare a personaggi grossi e muscolosi, cattivi e manipolatori, una vocetta acuta, agghiacciante? Lo rende ancor più inquietante! E poi è senza scrupolo alcuno, brutale anche con i suoi sottoposti, ma soprattutto con il suo principale avversario.

Il suo obiettivo è dominare l’Universo e per raggiungere questo scopo, è pronto a tutto. Compreso sacrificare vittime innocenti e rubare la loro anima per potenziare le sue arti oscure. I suoi poteri sono infatti illimitati e tra gli avversarsi di He-Man, Skletor è da sempre il più temibile.

7) Le Tre Sorelle Assassine – Winx Club

villain cartoni animati

I suoi occhi sono rossi come il sangue. Il suo volto è pieno di vermi. Chi viene toccato non vivrà.

Terrificante, vero? Questa la filastrocca che viene ripetuta per tutto l’episodio da tre fantasmi agghiaccianti. A Gardenia, le Winx sono invitate a una festa di Halloween. L’episodio è scandito dalle premonizioni nefaste di Jolly, la Pixie del futuro, che le avvisa dell’arrivo di tre oscure figure incappucciate. Ben presto scoprono che la villa dove si tiene la festa era abitata da quattro sorelle. La più piccola di loro fu brutalmente assassinata, così le altre tre decisero di vendicarsi stringendo un patto con le streghe. Le Winx vengono attratte in giardino e qui le tre sorelle, insieme alla quarta ritornata dal mondo dei morti, invocano vendetta.

In realtà, si scopre essere tutta una messa in scena per spaventare le ragazze, che però capiscono il trucco. Non si può dire lo stesso di noi: traumatizzati a vita.

6) Il Lich – Adeventure Time

Brutto come la morte, il Lich è un non-morto spietato che ogni volta che appare fa gelare il sangue nelle vene. Guardate i suoi piccoli piccoli occhietti verdi persi nelle cavità vuote del suo cranio. Orribile. Ma non è solo l’aspetto a spaventare, le sue abilità sono raccapriccianti: è in grado di dominare il fuoco e di esercitare magie oscure. In ogni stagione abbiamo un assaggio diverso del suo potere: uccide Prismo, scatena l’inferno sulla terra, entra nel corpo della Principessa Gommarosa che da rosa che era assume un colorito grigiastro che ha il sapere di morte imminente e la possiede. Insomma, l’obiettivo era evidentemente quello di provocare una crisi nei poveri infanti.

Ma Adventure Time è un cartone geniale, c’è poco da obiettare. E così il Lich, principale antagonista di Finn e Jake, viene trasformato in un enorme bambino paffuto e piagnone. Un parallelismo con i bambini scioccati dalla sua precedente forma?

5) Lui – Le Superchicche

Forse guardandolo ora ci viene più da sorridere che da impallidire. Ma questo diavolo è davvero cattivo, cioè è il male fatto persona con un look stravagante. Le giovani menti che guardavano ingenue Le Superchicche, aspettandosi colori e dolcezza, si ritrovano invece una mostruosa creatura con un pessimo gusto in fatto di moda e con la tendenza ad avvelenare tutta la popolazione, torturare e uccidere chiunque gli rovini i piani e con dei poteri tanto vasti da poter provocare un’apocalisse con un solo schiocco dita.

Senza contare la sua voce: l‘arma più potente che abbiamo è la parola e, se pronunciata con quella voce gracidante, stridula e melliflua, è come se una lancia penetrasse nel nostro timpano. Ancora oggi molti di noi hanno gli incubi ripensando a Lui e ai suoi balletti pietosi. Che poi anche il nome: sembra innominabile e, come sappiamo, questo non fa che aumentare la paura che proviamo.

4) Rasputin – Anastasia

villain cartoni animati

Rasputin è uno di quei villain dei cartoni animati che crescendo diventa quasi ridicolo e un po’ affascinante, se si pensa che la sua figura è realmente esistita e davvero si suppone abbia causato la fine della dinastia dei Romanoff in Russia. Ma all’epoca faceva solo ribrezzo e continuava a perseguitare i nostri incubi. La sua inarrestabile sete di vendetta e il suo desiderio omicida era raccapricciante.

Senza contare l’aspetto poco rassicurante: verruche, pelle raggrinzita, unghie così lunghe da poter diventare taglierini e uno sguardo folle che non guasta mai. Questo perché – a causa del patto con il diavolo – non può morire, ma al contempo, non avendo portato a termine la sua missione, rimane in un perenne stato tra la vita e la morte. Stato durante il quale il suo corpo inizia a decomporsi. Il finale ci libera di lui, ma che strazio quando tutte le anime lo trascinano all’inferno!

3) Koh il Ladro di Volti – Avatar: La Leggenda di Aang

villain cartoni animati

Tra gli antagonisti di Avatar – La Leggenda di Aang, Koh il Ladro di Volti è senza dubbio il più tetro. Un disgustoso incrocio tra un gigantesco verme grasso e un ragno dalle zampe pelose, ha un viso pallido e inquietante, che all’occorrenza cambia. E in fondo, è un ladro di volti: quindi quale può essere la sua peculiarità? Ma il problema è come li ruba questi volti: massacrando le persone (folli) che si recano nella sua caverna, staccandogli la testa, scorticandogli il volto e indossandolo. Così, come fosse una maschera di bellezza.

E poi ha la terribile abitudine di sgusciare intorno alla vittima, di circondarla, avvicinandosi alle spalle e poi di nuovo a qualche centimetro dal proprio naso. L’unico modo per scampargli è rimanere assolutamente impassibili: infatti, non può rubare i volti di coloro che rimangono inespressivi. Facile a dirsi…

2) Scar – Il Re Leone

villain cartoni animati

Il detto “Parenti Serpenti” devono averlo inventato guardando Il Re Leone, uno dei cartoni animati Disney che ha consacrato Scar come uno dei peggiori villain della storia dell’animazione. Lui e le sue raccapriccianti iene. Non sono bastate le canzoni, le battute atte a sdrammatizzare, era fin troppo cupa l’atmosfera che lo accompagna e l’aura verde – che rimanda all’invidia che prova nei confronti del fratello e del nipote – ci lasciava sempre uno strano senso di irrequietezza. Ma l’azione peggiore è stato il tradimento.

Quanti pianti per la morte di Mufasa, quanti bambini in lacrime sono corsi dai genitori chiedendo di mandare avanti la videocassetta. Lo sguardo soddisfatto e per nulla attraversato dal rimpianto era agghiacciante non solo per un piccolo pargolo, ma anche per un adulto. E il colpo di grazia: la bugia che fa sentire Simba colpevole e responsabile per la morte del papà.

1) Fred Lo Strambo – Leone il Cane Fifone

E adagio adagio, mi sentii malvagio.

Il primo posto va senza ombra di dubbio a lui. Quanto era inquietante mentre aspettava Leone con quel sorriso da maniaco seduto sul gabinetto! Da dove iniziare a elencare i motivi per cui continuo a sognare Fred che la notte facendomi schizzare la pressione a mille? Per prima cosa, la musichetta allarmante che accompagna le sue uscite trionfali dal manicomio, insieme alle inquadrature di lui con la camicia di forza e il sorriso storto. E poi il suo aspetto: una sorta di Sweeney Todd biondo, con l’insana mania di Gwynplaine per i denti. Sentiamo i peli drizzarsi sulla nostra nuca, mentre speriamo che l’episodio finisca presto, possibilmente prima di vedere Leone del tutto glabro. E mentre ci immedesimiamo nel povero cane, abbiamo l’impressione che lui sia davanti alla nostra porta, pronto a tagliarci i peli irti.


Fonte diritti Articolo Originale

I contenuti presenti sul portale vengono pubblicati attraverso un sistema automatico, non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e i contenuti pubblicati. Il sito è solo a scopo informativo per semplificare la ricerca di tutte le attuali notizie in un unico portale. Se vuoi rimuovere questo articolo puoi contattarci sulla pagina Facebook.

Tutto notizie è un sito di notizie che offre principalmente notizie di Calcio, Gossip, serie Tv/Film, notizie di intrattenimento, notizie sui videogiochi, oroscopo e molto altro ancora. Aiutiamo gli utenti ogni mese a trovare le informazioni di cui hanno bisogno.

Condividi su:
Enable referrer and click cookie to search for pro webber