Netflix vuole essere il Netflix dei giochi

Il logo Netflix e un gamepad.
HaseHoch2

Netflix ha assunto Mike Verdu, un ex dirigente di EA e Oculus, come “vice presidente dello sviluppo del gioco”. Il piano è di portare i giochi in streaming su Netflix entro il prossimo anno, probabilmente senza costi aggiuntivi. In altre parole: Netflix vuole essere il Netflix dei giochi.

Come riportato da Bloomberg, l’incursione di Netflix nei giochi fa parte di una strategia di crescita più ampia che attinge alla mentalità “fanboy”. Fondamentalmente, l’azienda vuole offrire contenuti esclusivi in ​​categorie di prodotti in grado di attrarre clienti e costruire una cultura. Ciò è più evidente nella selezione di anime di Netflix, sebbene la società abbia anche riscontrato successo con documentari e spettacoli per bambini.

Ma come abbiamo visto con Google Stadia e Amazon Luna, entrare nello streaming di giochi è un compito incredibilmente difficile. Il nuovo vicepresidente per lo sviluppo del gioco dell’azienda aiuterà sicuramente in questo senso. Mike Verdu ha trascorso la sua carriera costruendo franchise di giochi in mercati all’avanguardia: ha contribuito a portare Piante contro Zombi alla vita in EA, ha lavorato in Zynga quando era il re indiscusso dei giochi mobili e ha supervisionato la crescita di Oculus poco dopo che è stato acquistato da Facebook.

Anche se non sappiamo come sarà un gioco di Netflix, l’assunzione di Mike Verdu suggerisce che Netflix potrebbe essere interessato a titoli “addictive” nello stile di Piante contro Zombi. Questi giochi potrebbero funzionare bene su dispositivi mobili, potrebbero mantenere l’interesse dei clienti per lunghi periodi e, naturalmente, potrebbero costare meno per lo sviluppo rispetto ai grandi giochi AAA.

Ovviamente, non c’è alcuna garanzia che Netflix finirà effettivamente i giochi. Google ha rinunciato ai suoi piani di sviluppo del gioco non molto tempo dopo il lancio di Stadia e, nel grande schema delle cose, concedere in licenza i titoli esistenti potrebbe essere più facile che crearne di nuovi (anche se Netflix ha imparato qualcosa, è che i contratti di licenza diventano solo più costosi con il tempo ).

Se gli sforzi di gioco di Netflix andranno a buon fine, potrebbe ottenere un vantaggio su concorrenti in rapida crescita come Disney +. Speriamo solo che i giochi originali di Netflix siano più divertenti da giocare di i suoi spettacoli “interattivi”.

Fonte: Bloomberg