Pomeriggio 5, Barbara d’Urso costretta a fermarsi: la notizia che gela lo studio

Condividi su:
Giada Oricchio

La cronaca fa irruzione a “Pomeriggio 5” e sconvolge Barbara d’Urso: “Una notizia agghiacciante”. La conduttrice del contenitore pomeridiano di Canale 5, da questa stagione incentrato solo sull’attualità, stava discutendo con i suoi ospiti la misura del green pass esteso dal prossimo 15 ottobre quando l’inviata Giorgia Scaccia ha chiesto la linea per un aggiornamento  sul sacerdote Francesco Spagnesi, il prelato quarantenne arrestato una settimana fa a Prato con l’accusa di traffico di droga e appropriazione indebita. Il nuova capo di imputazione è gravissimo: tentate lesioni gravissime. Scaccia ha riferito: “Ci sarebbe un nuovo capo d’accusa per don Francesco, tentate lesioni gravissime. Il prete sarebbe sieropositivo e avrebbe taciuto la sua condizione ai partecipanti ai festini. Ai festini avrebbero partecipato regolarmente 20-30 persone e secondo quanto hanno riferito gli investigatori, due sarebbero già sieropositive” e ha sottolineato: “Il compagno di don Francesco non è indagato su questa vicenda, ma parte offesa”. Al rientro in studio, Barbara D’Urso è esterrefatta e non trattiene un commento: “E’ agghiacciante”. Tuttavia, Federico Febbo, avvocato del sacerdote, ha dichiarato che la sieropositività del suo assistito era un fatto noto: “La contestazione non è oggetto di misura cautelare ed è stata formulata solo per accertare alcuni elementi”. 


Fonte diritti Articolo Originale

I contenuti presenti sul portale vengono pubblicati attraverso un sistema automatico, non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e i contenuti pubblicati. Il sito è solo a scopo informativo per semplificare la ricerca di tutte le attuali notizie in un unico portale. Se vuoi rimuovere questo articolo puoi contattarci sulla pagina Facebook.

Tutto notizie è un sito di notizie che offre principalmente notizie di Calcio, Gossip, serie Tv/Film, notizie di intrattenimento, notizie sui videogiochi, oroscopo e molto altro ancora. Aiutiamo gli utenti ogni mese a trovare le informazioni di cui hanno bisogno.

Condividi su: